Idrocolonterapia: in cosa consiste, Prezzi, Vantaggi e Pratica Domiciliare

Simona Oberhammer - Naturopata e ricercatrice
Dal mio metodo “Naturopatia Oberhammer®”

Spesso mi viene chiesto: «Dottoressa in cosa consiste l’idrocolonterapia?». Oppure: «Quali costi ha? Vorrei conoscere il prezzo». E ancora: «Quante sedute servono?», «Quali sono gli effetti collaterali?», «E’ una pratica domiciare, cioè domestica, o si fa solo in ambulatorio?». Altre domande che mi vengono rivolte molto spesso sono: «L’idrocolonterapia è dolorosa? Fa male? Quando farla? Funziona davvero? E’ utile? I vantaggi quali sono? E quali sono gli effetti? Dove farla?».

Le domande sono davvero tantissime ma quella più frequente riguarda la mia opinione – come naturopata e ideatrice di diversi metodi per il benessere – su questa pratica. Per questo motivo ho scritto alcuni articoli completi, con tutte le risposte. Conosco bene questa pratica naturale perché mi sono mi specializzata in idrocolonterapia presso l’International Association Colon Hydrotherapy (I-ACT). Ma non solo, come naturopata ho seguito centinaia e centinaia di persone per quanto riguarda l’idrocolonterapia e la disintossicazione intestinale. Ecco quindi tutte le mie risposte in questo articolo.

Ti voglio però subito evidenziare un aspetto importante.

Come naturopata, ascoltando le persone che si rivolgono a me durante i miei corsi, mi accorgo che c’è molto interesse riguardo all’idrocolonterapia ma ci sono anche molti fraintendimenti ed errori. Pochi conoscono davvero i benefici, le indicazioni, gli effetti collaterali, le modalità corrette dell’idrocolonterapia. Proprio per questo motivo ho scritto più di un articolo completo: per aiutarti a conoscere una pratica davvero benefica. Scoprirai che l’idrocolonterapia ha benefici davvero sorprendenti. Però deve essere eseguita correttamente, per ottenere i migliori risultati e per evitare di incorrere negli effetti collaterali.

Le informazioni che trovi in questo articolo fanno parte del mio programma “Disintossicazione intestinale ­ metodo Oberhammer” (se ti interessa qui trovi maggiori informazioni) e devono essere concepite in una globalità di approccio, dove l’idrocolonterapia fa parte di un programma completo verso il benessere con le terapie dolci che offre la naturopatia, una disciplina che porta l’organismo al benessere esclusivamente con metodiche naturali.

Argomenti di questo articolo (clicca per saltare al punto) Nascondi

In cosa consiste l’idrocolonterapia: pulisci l’intestino se vuoi stare bene

Donna rilassata e in salute in modo naturale

Da sempre la forza purificatrice dell’acqua viene utilizzata a scopi curativi. In naturopatia le proprietà dell’acqua sono utilizzate anche per purificare il colon, appunto con l’idrocolonterapia, un lavaggio intestinale dolce e benefico che ha lo scopo di eliminare scorie e tossine: aiuta a disintossicarsi, a sgonfiare la pancia, a combattere i disturbi intestinali e, come scoprirai leggendo questo articolo, a risolvere tantissimi problemi di salute, anche quelli non direttamente collegati al colon. Senza dolore e senza ricorrere a farmaci: l’idrocolonterapia è un rimedio naturale basato sul lavaggio del colon.

Più precisamente l’idrocolonterapia è una pulizia dell’intestino crasso (l’ultimo tratto dell’intestino, detto anche colon) tramite acqua, eventualmente addizionata di sostanze terapeutiche (infusi di erbe, o liquidi vegetali, o sali minerali) introdotti per via rettale tramite una sonda che viene inserita delicatamente, in modo indolore.

La funzione del liquido è quella di rendere fluide le feci, sciogliere le scorie incrostate che rivestono le pareti dell’intestino, favorendo l’espulsione delle sostanze di rifiuto.

Il liquido iniettato durante un lavaggio intestinale si aggiunge al volume delle feci esercita una pressione sulla muscolatura intestinale stimolando intensamente la peristalsi e i riflessi di defecazione. L’evacuazione rapida di un grande volume di materiale (acqua e scorie) determina anche un effetto aspirante sui materiali di rifiuto che si trovano più a monte: se il lavaggio intestinale è ben eseguito viene purificato il colon interno, dalla parte iniziale (cieco) fino a quella finale.

Non viene invece mai pulito l’intestino tenue che è protetto dalla valvola ileo-cecale che lo separa dal colon. In realtà la pulizia dell’intestino tenue può essere effettuata, ma non con un’idrocolonterapia bensì con un tipo di lavaggio intestinale che si effettua per via orale, come descritto più sotto nel paragrafo “La classificazione dei lavaggi intestinali”.

Voglio sottolineare che i lavaggi intestinali non sono pratiche difficili, come si potrebbe pensare, né tantomeno dolorose. Le idrocolonterapie, o lavaggi intestinali, se ben eseguite, sono un rimedio naturale piacevole, efficace e molto semplice.

I termini giusti: cos’è davvero l’idrocolonterapia

Termini giusti e sbagliati

Una confusione evidente che come naturopata noto riguardo all’idrocolonterapia è l’utilizzo dei termini, che chiarisco subito, per fare comprendere con chiarezza questo rimedio naturale dai risultati sorprendenti.

Il termine “idrocolonterapia” significa irrigazione del colon con acqua, o altri liquidi. Quindi qualsiasi tipo di lavaggio intestinale può essere definito una idrocolonterapia. In realtà, in Italia, erroneamente viene definito con questo termine il lavaggio intestinale effettuato con uno speciale macchinario, in sede ambulatoriale. Ma in questo articolo scoprirai che questo è un “tipo” di lavaggio intestinale, ma non l’unico. E nemmeno il più efficace. Nella mia pratica di naturopata – pur essendomi specializzata lungamente negli Stati Uniti proprio in questa procedura – ho optato per altri lavaggi, molto più benefici, terapeutici ed anche economici.

I diversi tipi di idrocolonterapie

Acqua bolle idrocolonterapia

Quindi riassumendo, le idrocolonterapie sono le seguenti:

  • l’idrocolonterapia effettuata in ambulatorio, con un macchinario, che necessità di un appuntamento, uno spostamento e un costo piuttosto alto. Il prezzo generalmente è di 80-150€.
  • l’idrocolonterapia domiciliare, cioè domestica, effettuata in tutta comodità a casa propria con un costo iniziale per apprendere correttamente il metodo di esecuzione (è importante conoscerlo bene, per evitare errori) e poi più nessun costo aggiuntivo. Questo tipo di idrocolonterapia non richiede appuntamenti, programmazioni, spostamenti e può essere effettuata a necessità. Specifico che:
    • non è l’idrocolonterapia fatta con i macchinari casalinghi (che sconsiglio vivamente)
    • non è il classico clistere (anche questo lo sconsiglio vivamente)

Nella mia esperienza, l’idrocolonterapia domiciliare è quindi risultata molto più efficace e terapeutica dell’idrocolonterapia ambulatoriale. Infatti, pur io conoscendo molto bene la tecnica con il macchinario, e pur avendolo a disposizione nel mio studio, non l’ho praticamente mai messo in azione perché molto meno efficace di quella domiciliare.

Ma prima di addentrarci nei particolari riguardo ai diversi tipi di idrocolonterepie, voglio raccontarti qualcosa sulla storia di questo rimedio naturale che non smette mai di stupirmi per la sua efficacia.

La storia dell’idrocolonterapia: un’antico rimedio naturale

La storia dell'idrocolonterapia

Metodo di cura utilizzato fin dalla antichità, l’idrocolonterapia è sempre stato un fondamento di ogni cura naturale. Già 3500 anni fa i guaritori egiziani avevano descritto sui papiri la tecnica della pulizia del colon sotto forma di irrigazione con acqua. Questa terapia ha quindi la stessa età dell’agopuntura ed è stata usata dai medici di quasi tutti i popoli civilizzati di allora per la cura di svariate malattie, con lo scopo di combattere i problemi alla radice.

Questa semplice terapia naturale, dai risultati spettacolari, fu una pratica abbastanza diffusa anche negli anni Venti, Trenta e Quaranta. Tra i terapeuti più famosi vi fu Sebastian Kneipp. Anche V. Priessnitz, padre dell’idroterapia, utilizzava le irrigazioni ritenendole una parte importante delle sue cure idroterapiche. Nel suo centro di Gräfenberg più di 40000 pazienti si sono sottoposti alle irrigazioni intestinali con ottimi risultati.

Ma non solo. Anche in un passato più recente l’irrigazione del colon con acqua era una procedura molto comune, accettata e riconosciuta. Questa tecnica oggi dimenticata, era molto utilizzata dai nostri nonni. Il medico di famiglia, in caso di febbre o malessere, consigliava prima di tutto una pulizia dell’intestino, con acqua o con una purga. Ricordo i consigli di mio nonno – il dottor Karl Oberhammer – medico naturopata austriaco. Diceva: «Un giorno di riposo, cibo naturale e un lavaggio dell’intestino fanno miracoli».

E in effetti è vero: il corpo si disintossica velocemente e la guarigione è breve.

Nel passato era quindi frequente l’abitudine di pulire l’intestino nei passaggi di stagione, o quando si stava male. Il lavaggio del colon era un vero e proprio strumento terapeutico oggi sostituito dai lassativi, che sono tra i farmaci più venduti. Successivamente la medicina si è orientata alla farmacologia, allontanandosi da questo antico metodo di cura: l’idrocolonterapia, così apprezzata in passato, è caduta in disuso. Negli ambienti medici l’idrocolonterapia spesso è ignorata oppure confusa con un semplice clistere. Il dr. J.E.G. Waddington, noto naturista, scrive “Nonostante i lavaggi intestinali abbiano origine nei tempi biblici, sembra che ancora ci sia una grande ignoranza riguardo ai benefici terapeutici di questo rimedio”.

Poi le idrocolonterapie sono tornate alla ribalta negli Stati Uniti, dove oggi fanno parte di programmi di studio universitari ad indirizzo naturale e di corsi di specializzazione che formano gli idrocolonterapeuti. Anche io, come naturopata, ho frequentato questi corsi di specializzazione. Successivamente, in molti Paesi europei come Svizzera, Francia e Germania, i lavaggi intestinali sono tornati a far parte dei metodi di cura, con grande successo. In Italia si stanno diffondendo su larga scala solo di recente ma con grande interesse.

Benefici dell’idrocolonterapia: i lavaggi intestinali funzionano

Viso donna in salute benificio

I benefici dell’idrocolonterapia sono davvero tanti e li puoi avvertire già dopo pochi lavaggi. Agendo sull’organo di eliminazione principale, l’intestino, drenano ed eliminano enormi quantitativi di scorie durante ogni trattamento.

I vantaggi dell’idrocolnterapia sono:

  • Disintossicazione generale dell’organismo con depurazione profonda.
  • Sensazione di benessere: eliminazione di muco, gas intestinale, tossine, particelle alimentari non digerite.
  • Sensazione di leggerezza: la pressione sugli organi vicini scompare.
  • Miglioramento delle malattie dell’intestino: stitichezza, colite, disbiosi (alterazione della flora batterica), sindrome da colon irritabile, emorroidi, meteorismo (gonfiore addominale), diarrea.
  • Aumento della tonicità addominale e della peristalsi: se l’intestino è molto ostruito non vi può essere una buona peristalsi.
  • Scomparsa delle impurità tipiche dell’epidermide quali brufoli, comedoni, papule, pustole, acne, eczema, dermatite.
  • Le malattie ginecologiche ne beneficiano notevolmente: per esempio la vaginite e la leucorrea.
  • La candida, o meglio la candidosi (infezione da candida) trova grande sollievo con l’idrocolonterapia.
  • Migliorano le malattie urologiche: cistite e infiammazioni delle vie urinarie
  • Digestione più veloce e attenuazione dell’alito cattivo (alitosi) e della sensazione di sonnolenza dopo aver mangiato.
  • Migliore funzionalità del fegato, in quanto le tossine ostacolano il suo buon funzionamento.
  • Eliminazione delle sostanze tossiche nel sangue.
  • Miglioramenti dell’artropatia cronica e delle malattie dell’apparato osteoarticolare quali reumatismi e artrosi.
  • Ottimo beneficio per asma e allergie
  • Memoria e riflessi più pronti, maggiore chiarezza mentale.
  • Capacità da parte dell’intestino di maggior assorbimento.
  • Riduzione del desiderio di mangiare zuccheri e carboidrati.
  • Maggiore facilità a perdere peso quindi aiuto nel dimagrimento.
  • Ciclo mestruale meno doloroso.
  • Miglioramento del tono muscolare del colon.
  • Scomparsa dei disturbi legati a coliti, sindrome del colon irritabile e altri problemi gastro-intestinali.
  • Riduzione dei chili di troppo e la riconquista di un ventre piatto.
  • La pelle diventa luminosa, fresca e ne viene rallentato l’invecchiamento.
  • Azione anticellulite per l’effetto drenante e disintossicante.
  • Stimolazione delle difese immunitarie dell’organismo.
  • Si forma un ottimo terreno per reimpiantare la flora batterica.
  • Scomparsa di parassiti e vermi intestinali.
  • Ottima terapia antiinvecchiamento dell’organismo.
  • Miglioramento delle funzioni intellettuali e riequilibrio emozionale con lucidità e leggerezza: insieme alle tossine intestinali si espellono anche quelle mentali.
  • Miglioramento di edemi e stati infiammatori (eliminazione sostanze irritanti).
  • Beneficio per la cellulite.
  • Riequilibrio del peso per i magri.
  • Sollievo dalla fatica cronica.
  • Utile dal punto di vista della prevenzione: evita la comparsa o il cronicizzarsi di alcuni disturbi a carico dell’intestino.
  • Le sintomatologie dolorose in generale, migliorandone i disagi: per esempio l’emicrania (cefalea) beneficia molto dell’idrocolonterapia.
  • Il sistema immunitario viene rafforzato.
  • Le patologie della prostata (ipertrofia prostatica o prostatite) ne beneficiano notevolmente.
  • Si allevia il sovraccarico da sostanze tossiche quali inquinanti ambientali, farmaci, chemioterapici, o eccessi di cibo.

Benefici immediati e benefici a lungo termine

I benefici dell’idrocolonterapia sono sia immediati che a lungo termine.

  • I benefici immediati: subito dopo una idrocolonterapia si percepisce una sensazione di grande benessere e leggerezza dovuta all’eliminazione di tanti quantitativi di scorie, alla riduzione della pressione esercitata da queste scorie sull’addome e sugli organi vicini e alla eliminazione di molte tossine circolanti.
    Si percepisce spesso un senso di vitalità, energia e liberazione.
    L’idrocolonterapia inoltre contribuisce a creare una nuova consapevolezza di come ci si sente liberi dalle scorie, percezione che alcune persone non provano praticamente mai: è una bellissima sensazione quella di sentire l’addome “piatto” e “sgonfio”.
    Gli effetti dell’idrocolonterapia sono quindi immediati, fin dalla prima seduta perché, una volta agevolata la funzionalità intestinale, l’organismo inizia a disintossicarsi e depurarsi da subito.
    Si prova infine la sensazione di respirare meglio. Il motivo potrebbe essere dovuto al fatto che dopo il lavaggio, il diaframma, cioè lo strato muscolare a forma di cupola che separa il torace dall’addome, ha maggiori possibilità di distendersi.
  • I benefici a lungo termine: a distanza di tempo, man mano che si esegue una idrocolonterapia dopo l’altra, si avvertono i benefici sui diversi disturbi, come riportato più sopra.

Cosa si elimina con l’idrocolonterapia: come funziona

Pancia donna con fiore

I lavaggi intestinali eliminano:

  • Le macroscorie, cioè feci, fecalomi, muco ecc.
  • Le microscorie: anche se l’evacuazione è regolare ci sono tante microscorie presenti, per esempio i batteri patogeni tipici della diarrea, situazione in cui il colon è piuttosto libero ma ha comunque bisogno di essere disintossicato. Quindi anche chi ha un’evacuazione regolare trae enormi benefici dall’idrocolonterapia, eliminando tante sostanze di rifiuto.


Informazioni importanti sul benessere intestinale

L’eliminazione avviene durante l’idrocolonterapia ma anche i giorni dopo

Con le idrocolonterapie si eliminano davvero molte scorie, non solo durante il lavaggio stesso ma anche dopo, nei giorni successivi. Ciò succede perché i vecchi detriti sono stati ammorbiditi.

E’ importante considerare che non tutte le scorie presenti nel colon fuoriescono subito: diverse sono indurite, aderiscono alla parete intestinale fermamente o hanno una consistenza appiccicosa. È necessario quindi effettuare più di un lavaggio per discioglierle bene, meglio se con liquidi terapeutici anziché con sola acqua. In questo modo si riescono a rimuove le scorie a fondo.

I residui che fuoriescono spesso sono anche molto maleodoranti. Continuando con la disintossicazione intestinale l’evacuazione diventa quasi completamente inodore.

Indicazioni dell’idrocolonterapia: in quali casi fanno bene i lavaggi intestinali

Pancia lavaggi intestinali

In riassunto le principali indicazioni dell’idrocolonterapia sono:

  • Patologie intestinali
    • Stipsi
    • Diarrea
    • Meteorismo e gonfiore addominale
    • Colite e sindrome del colon irritabile
    • Infezione da parassiti
    • Colon atonico
    • Emorroidi (I° e II° grado)
    • Tossiemia intestinale
    • Putrefazioni intestinali
    • Candidosi intestinale
    • Prevenzione dai tumori intestinali
  • Disturbi digestivi ed epatici
    • Digestione lenta
    • Alitosi
    • Intossicazione da cibo
    • Insufficienza e sofferenza epatica
  • Disturbi uro-genitali femminili
    • Dolori mestruali (dismenorrea)
    • Sindrome pre – mestruale
    • Vaginite
    • Leucorrea
    • Candidosi vaginale
    • Disturbi della menopausa
  • Patologie cutanee
    • Problemi della pelle in generale
    • Brufoli e foruncoli
    • Acne
    • Eczemi
    • Dermatiti
    • Eczema
  • Disturbi articolari
    • Artropatie
    • Reumatismi
  • Disturbi dell’apparato respiratorio e auricolare
    • Otiti croniche
    • Sinusiti e raffreddori cronici
    • Tosse recidiva
    • Asma
  • Altri disturbi
    • Stanchezza cronica e affaticamento (astenia)
    • Candidosi di ogni tipo
    • Cellulite
    • Prostatite e ipertrofia prostatica
    • Sovrappeso
    • Invecchiamento
    • Disturbi circolatori
    • Allergie di origine non ben identificata
    • Febbre
    • Avvelenamenti organici
    • Intossicazione da alcool, droga e farmaci
    • Infiammazione
    • Sintomatologia dolorosa
    • Cefalea (emicrania)

Controindicazioni ed effetti collaterali dell’idrocolonterapia

Gastrointestinale per idrocolonterapiaIn realtà sono pochi i casi in cui è controindicata l’idrocolonterapia. Più che altro ci sono alcune situazioni (poche) che richiedono la diretta supervisione di uno specialista. Un terapeuta esperto può quindi consigliare le idrocolonterapie anche se sussistono controindicazioni. Negli istituti americani specializzati in idrocolonterapia dove ho studiato ed effettuato la pratica ho visto operare nelle casistiche più disparate, con ottimi risultati.

Le indicazioni qui riportate sono quindi di massima.

Indicazioni dietro supervisione dello specialista

  • Impacco fecale acuto
  • Infezione parassitaria
  • Diverticolosi e diverticolite
  • Colite ulcerosa e mucosa
  • Malattia di Crohn
  • Iper – ipotermia
  • Fase post trauma
  • Gravidanza fino a 4 mesi
  • Pulizia della colostomia

Ecco più in specifico situazioni dove, a seconda della gravità della malattia, l’idrocolonterapia può avere effetti benefici oppure deve essere eseguita con alcune precauzioni. Ecco i casi più comuni.

Emorroidi: può risultare difficile (oltre che doloroso) introdurre la cannula, se sono in fase acuta. L’idrocolonterapia è però estremamente benefica in questo caso, specie se si utilizzano liquidi che favoriscono il drenaggio epatico attraverso la vena porta.

Poliposi: si raccomanda di effettuare con prudenza il riempimento e lo svuotamento dell’intestino, così come di controllare il materiale che fuoriesce dal colon in persone potenzialmente a rischio.

Diverticolosi: in assenza di dolore e di infiammazioni, si può procedere con l’idrocolonterapia che può essere, – assieme a una dieta appropriata e all’abitudine di masticare bene il cibo – un valido mezzo di prevenzione contro le eventuali degenerazioni della diverticolosi; se è in atto una diverticolite, invece, la pratica è da fare sotto controllo.

Ragadi anali: se da un lato l’idrocolonterapia può essere benefica perché potrebbe regolarizzare le evacuazioni e accelerare la guarigione delle ragadi, dall’altro lato può essere difficile riuscire a inserire la cannula attraverso l’ano e può causare dolore ogni singolo movimento della stessa.

Carcinoma del colon-retto: l’idrocolonterapia può essere utile come prevenzione nelle persone cosiddette a rischio per questo tipo di tumore (per esempio nelle persone che hanno parenti con la malattia). E’ invece assolutamente sconsigliato il trattamento in presenza di un tumore del colon accertato.

Controindicazioni dell’idrocolonterapia

  • Grave malattia cardiaca non controllata
  • Ipertensione o cardiopatia congestizia
  • Aneurismi
  • Grave anemia
  • Perforazioni – emorragie del tratto intestinale
  • Emorroidi di grado severo
  • Cirrosi
  • Carcinoma del colon o del retto
  • Gravidanza avanzata
  • Ernie addominali
  • Recente chirurgia del tratto colon – rettale
  • Grave insufficienza renale
  • Fistole anali gravi
  • Patologie in fase emorragica, cioè se si hanno perdite di sangue con le feci, per esempio con il morbo di Crohn in fase acuta.

La classificazione dei lavaggi intestinali

Per conoscere i diversi tipi di idrocolonterapie è necessario partire a monte, dalla classificazione dei lavaggi intestinali. Quella che ti presento deriva dal mio programma “Disintossicazione Intestinale – metodo Oberhammer”. Sono arrivata ad elaborare questi tipi di lavaggi intestinali dopo anni di esperienza e di pratica nei più importanti Istituti e cliniche del naturale, a livello internazionale.

Innanzitutto i lavaggi intestinali si dividono in 2 tipi, in base alla somministrazione. Eccoli in riassunto. Poi li illustro più specificamente:

  • Lavaggio intestinale per via rettale
    • Idrocolonterapia ambulatoriale
    • Idrocolonterapia domiciliare
    • Doccia rettale
  • Lavaggio intestinale per via orale
    • Lavaggio gastro-intestinale
  • Lavaggio intestinale per via orale e intestinale insieme
    • Lavaggio gastro-intestinale con idrocolonterapia domiciliare

Idrocolonterapia ambulatoriale

Idrocolonterapia con macchinaL’idrocolonterapia ambulatoriale viene effettuata con un’apposita apparecchiatura collegata a due tubi, i quali a loro volta sono collegati a una cannula.

Dopo che la persona è stata fatta sdraiare su un lettino, coperta da un telo, il terapeuta provvede a inserire per via rettale una sonda monouso a due vie in cui defluisce l’acqua. Invertendo il flusso, l’acqua si scarica con il contenuto intestinale. Tutto avviene in un sistema chiuso e igienico.

La cannula, preventivamente lubrificata, è inserita attraverso l’ano per 5 – 6 centimetri. Attraverso il primo tubo viene immessa dell’acqua depurata nel colon mentre, attraverso il secondo, l’acqua viene successivamente scaricata insieme al materiale fecale. Il procedimento viene ripetuto più volte fino a quando l’acqua in uscita non appare pulita. Non è però detto che se l’acqua fuoriesce limpida, il colon sia stato ripulito completamente. Se c’è contrazione o se le scorie sono molto indurite, l’acqua può fuoriuscire limpida nonostante i detriti e le tossine presenti nel colon.

Il lavaggio avviene sempre sotto la supervisione di uno specialista che, durante il trattamento, aiuta anche la persona a rilassarsi (un po’ di agitazione è naturale), massaggiandole la pancia. In realtà, a fine trattamento, molte persone lamentano crampi addominali. Inoltre il massaggio intestinale, parte fondamentale del trattamento, spesso viene applicato sommariamente perché in Italia, diversamente dagli Stati Uniti, non esistono delle scuole che preparano gli idrocolonterapeuti. Quando mi sono specializzata in idrocolonterapia abbiamo imparato per centinaia di ore tutte le procedure di massaggio, che richiedono uno studio apposito. Se questa parte non viene seguita con attenzione il trattamento può essere davvero poco efficace. È un peccato, considerata l’elevata spesa che bisogna affrontare per effettuare l’idrocolonterapia ambulatoriale. Ricordo, durante i miei corsi di specializzazione, che agli inizi noi allievi eseguivamo l’idrocolonterapia e la persona non rilasciava quasi niente. Poi arrivava uno degli insegnanti, effettuava delle manovre di massaggio e di manipolazione, e la persona poco dopo rilasciava scorie. Quindi conta tantissimo la capacità dell’operatore.

Gli strumenti. Per il trattamento viene utilizzato un apposito macchinario che rilascia un flusso continuo di acqua a una temperatura media di 37 gradi e a una pressione massima di 8 atmosfere. Questa apparecchiatura è provvista di una cannula sterile, monouso (piuttosto grossa) da inserire nell’ano. Due sono i tubi collegati alla cannula: uno per il trasporto dell’acqua, cui possono anche essere aggiunte sostanze terapeutiche, l’altro per l’asporto del materiale intestinale. Nel tubo di scarico vi è uno sfiato per la fuoriuscita dei gas intestinali. L’acqua, prima di entrare nel tubo, viene filtrata e depurata di tutte le particelle più grandi di 5 micron, pressione e temperatura del liquido sono continuamente monitorate ed eventualmente modificate. In ogni caso, l’acqua non deve mai superare i 38 gradi centigradi.

Tubicini e cannule sterili monouso, valvole di sicurezza, ecc. contribuiscono all’efficacia del trattamento, eliminando anche possibili rischi, contaminazioni, disagi o effetti collaterali.

La velocità. La velocità del lavaggio dipende molto dallo stato di liquidità delle feci e quindi dalla preparazione alimentare, così come dalle condizioni dell’intestino. Se questo infatti è privo di tonicità, ha una minore reattività e risulta difficile ottenere lo svuotamento completo; usando acqua fredda, si riesce comunque a rivitalizzarne le pareti. Se invece l’intestino è facilmente irritabile, la persona avverte lo stimolo a evacuare troppo presto senza poi riuscirvi completamente.

Qualora vi siano gas, questi possono causare spasmi intestinali e fare da tappo alla fuoriuscita delle feci.

Ozono. Si può aggiungere all’acqua una certa quantità di ossigeno o una miscela di ozono e ossigeno quando il trattamento sta per concludersi: così si rivitalizza l’organismo.

Durata e costi della seduta. La seduta va dai 45 ai 60 minuti per il primo lavaggio, ma diminuisce progressivamente nei successivi, specie se praticati a breve distanza l’uno dall’altro. La fine del trattamento dovrebbe essere segnalata dall’emissione, nel tubo di scarico, di acqua del tutto pulita. Ma, come ho spiegato, è un dato poco indicativo. I costi variano da 80 a 150 euro.

Idrocolonterapia domiciliare (o domestica )

Donna rilassamento domestico

Questo è il lavaggio intestinale che io in assoluto di più consiglio e che insegno nel mio programma “Disintossicazione intestinale metodo Oberhammer” Durante la mia lunga esperienza ho elaborato una tecnica attraverso la quale si inserisce per via rettale un liquido tiepido e medicato, ricco di sostanze terapeutiche e benefiche che ha lo scopo di sciogliere le tossine e le scorie, facilitando l’eliminazione. Inoltre disinfiamma la mucosa del colon e favorisce il drenaggio epatico attraverso la circolazione enteropatica.

Può essere praticati da soli, in tutta sicurezza, sperimentando il meraviglioso benessere che ne segue, come già lo hanno sperimentato migliaia di persone.

In questo tipo di tecnica da me ideata dò grandissima attenzione al tipo di strumentazione da utilizzare: quella che consiglio si trova facilmente in farmacia, è economica ma deve essere “assemblata” mettendo insieme pezzi di ditte diverse, in base alle mie indicazioni. Va invece accuratamente evitata la tipica strumentazione per clistere che, a mio avviso, è piena di controindicazioni.

I grandi benefici di questo tipo di lavaggio, rispetto all’idrocolonterapia ambulatoriale sono:

  • Poco liquido medicato è meglio di tanti litri di acqua. Non vengono immessi nel colon litri e litri di acqua che, oltre a eliminare le scorie e la flora batterica disbiotica (cioè negativa), eliminano anche quella benefica. A mio avviso una pulizia intestinale efficace più che richiedere numerosi litri di acqua (come accade con l’idrocolonterapia ambulatoriale) necessita soprattutto di un liquido medicato, arricchito da sostanze terapeutiche e trattenuto per un certo tempo, favorendo così la dissoluzione delle scorie.
    Io consiglio svariati tipi di ricette, da preparare con sostanze economiche e facilmente reperibili, in base ai diversi disturbi che si vogliono risolvere. Inoltre, nel mio metodo considero fondamentale l’abbinamento all’intervento per via orale, con l’alimentazione e i rimedi naturali, e con l’automassaggio e gli esercizi specifici per l’intestino. Ho selezionato solo pratiche semplici e veloci che, una volta apprese, danno i migliori risultati.
    Quindi anche se mi sono specializzata negli Stati Uniti in idrocolonterapia ambulatoriale (con tantissime ore di pratica e quindi la conosco bene), io non la utilizzo, nemmeno per me personalmente perché ritengo molto più efficace l’idrocolonterapia domiciliare.
  • A casa è meglio che in ambulatorio. Se vogliamo beneficiare del idrocolonterapia, specialmente quando stiamo male, è importante poterla fare ogni qualvolta volta ne abbiamo bisogno, secondo i nostri tempi e i nostri orari. Dover prendere un appuntamento, aspettare il momento giusto, uscire quando potremmo farla tranquillamente in casa, è quasi un controsenso. Considerando che l’idrocolonterapia è talmente utile per qualsiasi disturbo, il grande beneficio è proprio poterla fare al bisogno.
  • Tutta la tua intimità: il rilassamento è fondamentale per la riuscita. La riservatezza in questa terapia è molto importante. Quando non ci sentiamo a nostro agio, per esempio in un ambulatorio con un estraneo, entriamo in tensione e non riusciamo ad eliminare le scorie: se l’addome è contratto l’acqua entra nel colon ma non riesce a portare via le tossine presenti nell’intestino.
    Quando invece siamo distesi, tranquilli e a nostro agio il colon rilascia con molta più facilità le scorie e le tossine.
  • Le sonde sono molto più piccole. Nell’idrocolonterapia ambulatoriale le sonde devono essere a due canali e quindi sono più grosse, e anche rigide. Nell’idrocolonterapia domestica, invece, le sonde che consiglio di utilizzare sono sottilissime e morbidissime.
  • Costa molto meno. L’idrocolonterapia ambulatoriale è costosa (da 80 a 150 euro a seduta). Inoltre, non utilizzando sostanze medicate che le rendono più efficaci, si consiglia di farne almeno un ciclo di 6-10 sedute, 1-2 volte all’anno. Diversamente non si ottengono grandi risultati. Il costo è perciò notevole.
    Invece quando si impara la tecnica dell’idrocolonterapia domiciliare con il mio metodo, si fa un investimento iniziale (molto inferiore a quello di un intero ciclo di sedute di idrocolonterapia ambulatoriali) e poi si conosce una tecnica dai grandissimi benefici che si può utilizzare per sempre, per tutta la vita, comodamente a casa propria.

Doccia rettale

La doccia rettale che io insegno è una pratica che pulisce l’ultima parte del colon, da utilizzare solo nelle emergenze o come preparazione all’idrocolonterapia casalinga.

Lavaggio gastro-intestinale

Questo tipo di tecnica è un lavaggio per via orale. Consiste nel bere un liquido terapeutico che, tramite movimenti particolari, viene spinto dallo stomaco all’intestino, fino ad essere espulso, effettuando una vera e propria doccia interna, favorendo un’evacuazione.

Lavaggio gastro-intestinale con idrocolonterapia domiciliare

Il mio programma “Disintossicazione Intestinale – metodo Oberhammer” comprende anche dei lavaggi gastro-intestinali che prevedono l’assunzione di liquidi terapeutici per via orale abbinati alla somministrazione dell’idrocolonterapia.

Altri tipi di lavaggi intestinali

Esistono altri tipi di lavaggi intestinali che io sconsiglio assolutamente. Sono arrivata a questa conclusione dopo averli sperimentati ampiamente. Non mi sento di citarli in questa sede perché non mi sembra corretto, dal momento che non riesco a fornire una spiegazione sufficiente. Nei miei corsi, invece, indico dettagliatamente quali lavaggi intestinali, tra quelli proposti dalle ditte o nei libri, vanno assolutamente evitati.

Specifiche importanti

I lavaggi intestinali non sono un clistere

I lavaggi intestinali spesso vengono confusi con la pratica del clistere, pur essendo totalmente diversi sia nell’applicazione che nell’effetto: in realtà non c’è alcuna somiglianza tra le due pratiche se non quella di far scorrere acqua nel colon.

Le differenze tra un clistere e i lavaggi intestinali fondamentalmente sono queste:

  • Il clistere pulisce solo l’ultima parte del colon (cioè il retto e il sigma); un lavaggio intestinale, se effettuato correttamente, pulisce l’intero colon. Inoltre il clistere, come viene eseguito di solito, non esercita effetti curativi sulle mucose intestinali, diversamente dai lavaggi intestinali.
  • Il clistere ha molte controindicazioni, specialmente quella di affaticare il retto e il sigma con quantitativi di liquidi che lo sforzano. Nel modo in cui viene comunemente somministrato, il clistere irrita il colon e deprime la naturale sensibilità del retto. I lavaggi intestinali, invece, se ben eseguiti sono innocui e benefici.
    La pressione troppo elevata o l’eccesso di acqua in un solo punto del colon, come spesso si verifica durante un clistere, sono rischiose per le persone che soffrono di diverticolosi, cioè estroflessioni della mucosa simili a piccole sacche. Un clistere può provocare la perforazione della sottile e debole parete di un diverticolo con conseguente peritonite locale o generalizzata. Il clistere è nocivo anche per le persone che hanno un intestino particolarmente irritabile o spastico. Può accadere infatti che gli spasmi trattengano e intrappolino il liquido scatenando una colica addominale.
  • Il clistere è effettuato solo per via anale; i lavaggi intestinali comprendono anche pratiche effettuate per via orale.

L’azione dei lavaggi intestinali è diversissima da quella dei lassativi

I lavaggi intestinali agiscono in modo totalmente diverso dai lassativi. Anche le loro finalità sono totalmente differenti tanto da non poter neppure essere paragonati:

  • I lassativi agiscono irritando e paralizzando l’intestino, le idrocolonterapie purificando e rieducando l’intestino.
  • I lassativi eliminano le scorie superficiali, i lavaggi intestinali anche quelle profonde.
  • I lassativi non curano l’intestino; i lavaggi intestinali, se inseriti all’interno di un metodo completo, sono rigeneranti per l’intero apparato gastro-intestinale.


Informazioni importanti sul benessere intestinale

Le modalità: dove farla, quando farla, quanto costa, chi l’ha provata, quante sedute

Abstract acqua idro

Dove fare l’idrocolonterapia

L’idrocolonterapia domiciliare viene fatta a casa propria. L’idrocolonterapia ambulatoriale deve essere invece fatta su appuntamento, in uno studio medico o un centro di benessere. Gli indirizzi si possono trovare in Internet.

Quando fare l’idrocolonterapia

In caso di necessità, per esempio all’insorgere di una malattia, l’idrocolonterapia si può fare in qualsiasi momento. Come prassi, però, è preferibile farla a stomaco vuoto, tre ore dopo un pasto che ha preparato l’organismo al lavaggio intestinale.

I prezzi: quanto costa l’idrocolonterapia domiciliare

L’idrocolonterapia domiciliare, una volta appresa, non costa quasi più niente: è sufficiente solo acquistare le sostanze per preparare il liquido medicato, che si trovano ovunque e a bassi prezzi, e gli elementi per il kit dell’idrocolonterapia domestica: si reperiscono in farmacia, sono economici, facili da assemblare secondo le indicazioni che fornisco quando insegno il mio programma “Disintossicazione Intestinale – metodo Oberhammer”.

Chi l’ha provata

Sono tantissime le persone che utilizzano regolarmente l’idrocolonterapia come rimedio naturale per mantenersi in salute o per combattere la malattia. Quando ho studiato questa pratica della naturopatia, soprattutto negli Stati Uniti, ho avuto contatti con università (per esempio la famosa Bastyr University), con istituti e centri del naturale che insegnano come prassi fondamentale questa terapia naturale.

Se ti interessa ascoltare alcune testimonianze delle persone che hanno imparato l’idrocolonterapia secondo quello che insegno puoi trovarle qui.

Quante sedute fare: la frequenza

Con l’idroterapia, il colon non viene pulito con un solo trattamento, ma la pulizia avviene progressivamente nel corso delle sedute.

La frequenza dell’idrocolonterapia dipende però dalla propria situazione personale. Non è certo possibile ripulire un colon intossicato da anni solo con qualche lavaggio intestinale. Le prime idrocolonterapie portano via le scorie superficiali ma non quelle vecchie, sedimentate e indurite. Occorrono una serie di lavaggi intestinali, da abbinare a un programma di disintossicazione intestinale completo, da fare anche per via orale.

Successivamente si può utilizzare un programma di mantenimento eseguendo i lavaggi intestinali con minor frequenza, da aumentare solo in caso di malattia.

Nel caso delle idrocolonterapie ambulatoriali spesso viene fornito questo protocollo: 4-10 sedute di idrocolonterapia, a distanza di 7 – 10 giorni l’una dall’altra. Poi, ogni anno, è necessario fare delle sedute di mantenimento. Il costo di ogni seduta varia dagli 80 ai 150 euro.

Risposte alle domande sul mio programma “Disintossicazione Intestinale – metodo Oberhammer”

Domanda: “Qui c’è scritto solo di cosa si tratta ma non come si fa”

Risposta: sì, proprio così. E ti specifico anche il motivo: l’idrocolonterapia – e i lavaggi intestinali in genere – sono estremamente efficaci ma devono essere eseguiti con attenzione, conoscenza e dopo averli appresi attraverso una spiegazione dettagliata e accurata.

Tutto ciò non può certo avvenire sul Web!

Il Web va bene per le informazioni generalizzate, per i piccoli consigli, per i rimedi che non richiedono una accuratezza particolare. Non è certo il caso dell’idrocolonterapia, un rimedio facile e semplice, solo però dopo averlo appreso nel migliore dei modi. Sebbene io sia molto favorevole a fornire tante informazioni sul Web (e lo faccio attraverso il mio sito che contiene articoli con consigli dettagliati) sono invece assolutamente contraria ad insegnare pratiche come questa.
Anche se sul Web vengono date informazioni di ogni tipo, spesso viene fatto in modo talmente approssimativo che si finisce per far del male alle persone. Lo so, perché ogni giorno riscontro questa situazione: l’applicazione della Naturopatia “in malo modo” porta a dire che “non funziona”. Ma non è così. Non funziona solo se applicata male. E io non credo in questo tipo di approccio. Per questo motivo non posso scrivere qui le indicazioni su come fare il lavaggio intestinale. Durante i miei corsi impiego ben quattro ore per spiegare come farli, utilizzando video, slide e soprattutto personalizzando i miei consigli in base alla situazione di ciscuno. Inoltre rispondo a tutte le domande e ai dubbi che ogni persona può avere, secondo le sue esigenze.

Tutto ciò non è lontanamente possibile sul Web ma, secondo la mia esperienza, nemmeno con un libro.

Ecco, queste sono le motivazioni della mia scelta.

Il mio obiettivo è quello di diffondere la Naturopatia. Mi sto davvero impegnando in questa direzione, investendo tantissime risorse economiche nel sito e nei video (purtroppo la diffusione sul Web, se ben fatta, e ancora molto costosa perché richiede tecnici esperti). Ma lo voglio fare con la massima serietà, professionalità e sicurezza per le persone che mi seguono che sono sempre più numerose.

Continua a leggere sull’idrocolonterapia

Per te che hai letto l’articolo

Spero che l’articolo che ho scritto ti abbia dato delle informazioni utili.

Mi farebbe molto piacere ricevere un tuo commento. Mi aiuta nel proseguire il mio lavoro di diffusione di nuovi modi per stare bene e vivere serenamente.

Ti ringrazio inoltre se vorrai condividere questo articolo sui social.

Simona Oberhammer autrice Ginnastica Intima metodo Gymintima

Simona Oberhammer

Simona Oberhammer, la naturopata più famosa d’Italia, ha condotto i suoi studi e le sue ricerche internazionalmente e soprattutto negli Stati Uniti, in Germania e in Inghilterra, paesi dove la naturopatia è una scienza riconosciuta. Si è specializzata in nutrizione, bioterapie e idrocolonterapia negli USA. Dal suo percorso internazionale è nato il Sistema Naturopatia Oberhammer e i relativi metodi: Biotipi Oberhammer®, Disintossicazione Intestinale, Ginnastica Intima. Oltre alla naturopatia, Simona Oberhammer si dedica alle donne con il programma della Via Femminile per la realizzazione professionale e personale. È autrice di diversi libri editi da MONDADORI sul benessere diventati bestseller e tradotti in varie lingue ed è nota sul web grazie alle migliaia di persone che la seguono nei suoi video su YouTube, sui social network e sui suoi siti, dove le scrivono centinaia di commenti ogni giorno. Grazie al Biotipi Club mantiene una relazione online con gli appassionati del suo metodo.